Ray Allen: la lettera del ritiro

"Ti troverai ad affrontare i tuoi eroi: Michael Jordan e Clyde Drexler.
Giocherai con degli Hall of Famers: Kevin Garnett, Paul Pierce, Lebron James, Dwyane Wade.
A volte ti spaventerai.
A volte penserai di non essere all’altezza.
Ma nonostante tutto, ogni giorno ti presenterai all’allenamento e continuerai a lavorare.
Prenderai più di 26.000 tiri in carriera. Di questi, all’incirca 6 su 10 finiranno fuori dal canestro. Questo gioco è un figlio di puttana, ti avevo avvertito.
Tuttavia, non ti devi preoccupare. Un uomo di successo è fatto di 1.000 fallimenti. O, nel tuo caso, 14.000 tiri sbagliati.
Vincerai l’anello a Boston.
Ne vincerai un altro a Miami.
Le personalità presenti in quelle due squadre saranno molto diverse, ma queste due franchigie avranno qualcosa in comune: le abitudini.
Le solite, noiose abitudini.
Lo so, vuoi sapere qual è il segreto per avere successo in NBA.
Il segreto è che non c’è nessun segreto.
Sono semplicemente le solite, vecchie noiose abitudini.
In qualsiasi spogliatoio ti verrai a trovare, tutti diranno le cose giuste. Tutti diranno che saranno pronti a sacrificarsi per il successo, che saranno pronti a fare qualsiasi cosa per vincere un titolo.
Ma questo sport non è un film.
Non si tratta di essere l’uomo che risolve il quarto periodo. Non riguarda le chiacchiere. Questo sport si basa sul lavoro quotidiano, soprattutto quando nessuno sta guardando.
Kevin Garnett, Paul Pierce, LeBron James, Dwyane Wade. Gli uomini con i quali vincerai dei titoli sono molto diversi tra loro. Ciò che li rende campioni sono le solite, vecchie noiose abitudini. Entreranno in competizione per vedere chi sarà il primo ad arrivare in palestra, e l’ultimo a lasciarla.
I giocatori che credono che questo sia un mero cliché, che pensano che ciò non dovrebbe riguardarli perché Dio gli ha regalato il talento, attraverseranno la loro carriera senza mai vincere un titolo NBA.
Ma vorrei che tu capissi qualcosa di più profondo. Il punto non è vincere campionati.
Certo, ci sarà un senso di appagamento e di soddisfazione quando, ricordandoti di chi ti ha sempre detto che non ce l’avresti mai fatta, alzerai il trofeo sopra la tua testa.
Scaldapanchine.
Alcolista.
Ragazzo bianco.
Sarò onesto con te, dopo aver vinto il primo titolo realizzerai che il brivido è fugace. Il senso d’affermazione è fugace. Se queste sono le uniche emozioni che inseguirai, finirai con l’essere molto depresso.
I titoli vinti hanno un’importanza secondaria rispetto alla sensazione che avrai nello svegliarti ogni mattina per andare a metter su del lavoro. I titoli vinti sono come quando ti trovi in aula a UConn, con indosso la tua camicia e la cravatta stretta al collo. Sono solamente il culmine di tutto ciò che c’è dietro.
E’ nel tragitto percorso per arrivare a quei momenti, così come nella tua passeggiata in quella tranquilla mattinata di autunno nel Connecticut, che troverai la felicità.
Lo penso davvero, ciò che ti dico viene dal profondo del mio cuore: il bello della vita non è nella destinazione, ma è nel tragitto che farai. E quel tragitto percorso ti cambierà come persona.
...
Ma per realizzare i tuoi sogni diventerai una persona differente. Diventerai ossessivo sulla routine da mantenere. Questo avrà un costo in termini di amicizie e famiglia.
Molte sere non uscirai di casa. I tuoi amici ti chiederanno il perchè. Non berrai mai alcol, MAI. La gente ti guarderà come una persona divertente. Quando andrai in NBA non giocherai più a carte con gli amici. Alcune persone ti diranno che non sei stato un buon compagno di squadra. Rischierai di perdere la tua famiglia per il lavoro.
La maggior parte del tempo sarai da solo.
Questo non ti renderà la persona più popolare. Alcuni non ti capiranno. Ne vale la pena?
Solo tuo puoi rispondere a quella domanda.
Chi dovrei essere?
Domani quando scenderai da quel bus in Carolina del Sud, dovrai scegliere.
Ogni giorno per il resto della tua vita dovrai prendere delle scelte.
Vuoi adattarti, o vuoi inseguire in solitaria la grandezza?
Vai al campo, stai in campo.
Molte persone non capiranno veramente chi sei. Ma sapranno quanto hai lavorato.

Ray Allen
http://www.ekis.it/attimovincente/gm



Qui l'articolo completo:
http://www.nbareligion.com/2016/11/01/ray-allena-annuncia-il-ritiro-ecco-la-lettera-strappalacrime/?refresh_ce-cp

Anche se sei forte...

A volte hai bisogno di qualcuno che ti dica che sei ok.
Anche se lo sai.
Anche se sei forte.
Anche se hai già imparato a perdere.
Anche se hai la pelle dura per quanto hai lottato. 
Anche se hai sempre preso ogni decisione da sola.
Anche se sei circondata da persone fantastiche.
Anche se sei profondamente grata.
Ogni tanto è bello che qualcuno ti dica che sei ok.
Così.
Non perché vinci qualcosa.
Non perché sei brava.
O perché hai fatto qualcosa di speciale.
Solo perché sei tu. Solo perché ci sei.

Che tipo di campione vuoi essere?

Ci vuole Forza per rialzarsi da una caduta.
Fisica, ma soprattutto interiore.
Ci vuole energia per farlo velocemente.
Ci vuole umiltà per capire che i sacrifici che credevi tali fino a poco tempo fa, forse sono solo una parte di quelli che dovrai affrontare da adesso in poi.
Ci vuole coraggio per rialzarsi da terra e ripulirsi in fretta dalla sabbia, mentre tutti ti guardano.
Ci vuole onestà per complimentarsi con un avversario che stavolta è stato più forte.
Ci vuole flessibilità per comprendere che una sconfitta è molto più saggia di una vittoria: perchè dalla vittoria non apprendi nulla di nuovo su te stesso, sulla tua performance, sulle tue capacità e sulla tua squadra.
La sconfitta ti dona la possibilità di andare a fondo, di scavare, di comprendere, di decidere che tipo di Campione vuoi essere nella tua vita.
La sconfitta ti tempra e ti guida al significato di "opportunità", perchè non ammette scuse o seconde prove, o ritardi, o la perdita dell'attimo vincente.
La sconfitta ti consegna di nuovo in mano la responsabilità: perchè forse l'avevi dimenticata, o passata a qualcun'altro, o persa di vista, o data per scontata.
La sconfitta ti garantisce un'esperienza e ti mette in contatto con quella esatta cosa di cui avevi bisogno per evolverti.
Non c'è niente di più prezioso che avere la possibilità di allenarsi per approdare allo step successivo.

Trovare il Motivo

Tutto ciò che ti serve è già in te. 
Sotto forma di talenti, emozioni, risorse, idee, caratteristiche, esperienza, attitudini.

È indispensabile tuttavia trovare un valido motivo, il Tuo Valido #Motivo.
Quella #forza che spinge e dirige verso "la tua leggenda personale" è necessaria, affinché le splendide #qualità che possiedi vengano alla luce, e possano esserti di supporto nel realizzare i tuoi #desideri

#Determination #Focus #Motivazione


La consapevolezza

La storia di questo viaggio non è la riprova che non c’è medicina contro certi malanni e che tutto quel che ho fatto a cercarla non è servito a nulla. 
Al contrario: tutto, compreso il malanno stesso, è servito a tantissimo. 
E’ così che sono stato spinto a rivedere le mie priorità, a riflettere, a cambiare prospettiva e soprattutto a cambiare vita. 
E questo è ciò che posso consigliare ad altri:cambiare vita per curarsi, cambiare vita per cambiare se stessi.
Per il resto ognuno deve fare la strada da solo.
Non ci sono scorciatoie che posso indicare.
I libri sacri, i maestri, i guru, le religioni servono, ma come servono gli ascensori che ci portano in su facendoci risparmiare le scale.

L’ultimo pezzo del cammino, quella scaletta che conduce al tetto dal quale si vede il mondo sul quale ci si può distendere a diventare una nuvola, quell’ultimo pezzo va fatto a piedi, da soli.

Tiziano Terzani


Come ci si mantiene giovani?


83 anni e la settimana enigmistica. 

11. Uno dei 7 vizi capitali:
Gola! perché ho una "o"

32. Un cucuzzolo di un massiccio
Cima!

7. Un piattino per fumatori:
Posacenere! Ah no, non ci sta.
Portacenere? Mah...non ci sta bene... io lo avrei chiamato posacenere.

20. Cavalluccio Marino:
Ippocampo! Invece la stella marina come la chiami? Asteria.

19. Il via vai lungo le scale:
Saliscendi!

36. Espressione di dubbio:
Ma!

Ti ho detto che mi piaceva tanto l'italiano. 

#NonnaTop #Flash #UnTreno

Parole del cuore

Ti Voglio Bene, Ti Amo, Ti Stimo, Ti Sono Accanto, Grazie, Mi Fido di te, Ti Comprendo, Sei Importante, Sei Speciale, Sei Bravo/a... 

Hai già usato parole d'amore per qualcuno oggi?



Perdere.

Chi vince festeggia, chi perde impara.
Dopo il titolo italiano e il titolo europeo, ieri abbiamo disputato una gara mondiale che abbiamo pagato a caro prezzo.
È stato curato ogni dettaglio lavorando sodo, eppure le cose non sono andate come avevamo sognato.
Chi gioca per vincere sa che la sconfitta è parte del sistema, è parte di chi si espone e di chi lotta.
Lo sport mi ha sempre fatto sperimentare dei picchi emozionali incredibili: da vittorie straordinarie che nutrono l'anima, a delusioni cocenti dalle quali credi di non riprenderti più.
E sono qui a dirvi che ci si riprende eccome, e non ve lo scrivo per sentito dire, o perché l'ho letto, o studiato.
Ve lo scrivo perché l'ho vissuto sulla mia pelle, e ben più di una volta!
So che oggi fa male, che brucia, che sembra incredibile, ma nel calendario della mia mente le più crude cadute sono tuttora dei punti cardine della mia crescita come atleta, come persona, come amica, come Donna.
Non ci sono dei perché da cercare, MA degli insegnamenti da prendere che rispondono alla necessarie domande "Che cosa imparo da questa esperienza? Cosa c'è di buono in questa situazione? Cosa mi ha permesso di arrivare ad un passo dal mio obiettivo?"
Non ci sono persone da incolpare, MA responsabilità da assumersi e feedback di miglioramento da dare.
Nella mia esperienza da atleta ho perso con rammarico un rapporto unico nel suo genere che durava da 6 anni, perché abbiamo permesso ai risultati sportivi di intaccare il rapporto personale.
Non ci sono pensieri tipo "abbiamo rovinato tutto", MA "ogni cosa che ho fatto per raggiungere il mio traguardo mi ha portato a ricercare sempre il meglio e ad essere la persona che sono oggi".
Sarà perché ho già pianto di gioia con voi, sarà perché ieri ho pianto di delusione con voi, ma io vi guardo con gli occhi del Cuore.
E ciò che vedo è un cerchio dalle maglie stette ed emozionate fatto di sguardi che si tengono per mano.
Per me siete un Orgoglio: per la dedizione che avete dimostrato, per le strategie che avete imparato e messo in pratica, per quanto vi siete messe in discussione e a disposizione della squadra e dell' obiettivo.
Per me siete da ammirare: perché avete avuto il coraggio di Sognare la medaglia più preziosa.
Senza vergogna, senza nascondervi, ma con l'umiltà e l'entusiasmo di chi crede, di chi sa, di chi sente.
Non abbiate fretta di guarire questa ferita, ma vi prego, prendetevene cura.
Quasi fosse sacra.
Perché ciò che otterrete dal riguardo con cui la tratterete, sarà prezioso nella vostra vita.
Spargeteci sopra la consapevolezza di chi siete, di quanto valete, di quanto avete realizzato; nutritela della maturità che avete raggiunto come individui e come squadra; donatele quel pizzico di magia che vi ha permesso di arrivare a tutti i vostri traguardi con l'atteggiamento da Vincenti.
Ci rialzeremo cigni, e lo faremo insieme, perché sono il vostro coach e vi resto accanto.
In questo video è racchiusa l'essenza di ciò che siete, piccole grandi Donne dal cuore ricco di stupore e dall'animo determinato.
La parte più preziosa di questo viaggio siete voi.

 


Prepararsi con la mente

Novara, Mondiale di pattinaggio artistico su rotelle.

Fisico allenato, tecnica quotidianamente perfezionata, coreografia che esprime emozioni, mente che ha imparato a vedere, ascoltare, sentire, sognare.
Gambe solide, sguardo in alto, cuore aperto, concentrazione mirata, pugno stretto, energia, elettricità.

In bocca al lupo ragazze mie.
Che sia per voi una giornata indimenticabile, come è per me l'onore di essere al vostro fianco come mental coach.

#PTA #SwanLake #WorldChampionships#RollerArtisticSkating #FIRS





Tu sei il messaggio

Il modo migliore per far arrivare il tuo messaggio, è ESSERE tu quel messaggio. 

http://www.ekis.it/attimovincente/gm


Opportunità d'oro

Ci sono momenti che valgono più dell'oro.
Ci sono momenti che si chiamano opportunità.
Ci sono momenti in cui non lo sai, ma ti fai forza e vai.

Ci sono momenti in cui una spinta in avanti vale più di mille esperienze, e la decisione di affidarsi a te in un gesto ha più significato di tanti atti di stima o promesse.

Ci sono momenti in cui vuoi essere grata alla tua guida, grata al tuo team, grata a chi ha creduto in te fin dal primo giorno.

Ci sono momenti in cui realizzi profondamente che il tuo Sogno è lì, a portata di mano.
Richiede solo lavoro specifico, coraggio e fiducia.

E, ve lo dichiaro con gli occhi che brillano, Questo Sogno non svanirà nel set decisivo.

Questo è il Sogno disegnato per essere realizzato.
E io me lo vado a prendere.


Amare il proprio lavoro

In queste ultime mattine mi sono svegliata con più energia del solito.
Più frizzante direi.
Come quando sai che stai per incontrare la persona amata.
Allora ti prepari con cura facendo attenzione ai dettagli, ti sistemi più volte per presentarti al meglio di te, arrivi in anticipo all'appuntamento perché non vuoi perdere nemmeno un istante di quelle emozioni e.... hai anche quelle farfalle allo stomaco per il lieve timore di "non essere abbastanza".
Anche se già ti è capitato di amare con quella passione.
Anche se conosci quelle situazioni, e ti riconosci.
Anche se ti ci sei già trovato in passato, più e più volte.
Ma non ti abitui mai.
No, non mi abituo mai a questo grande Amore della mia vita, che mi solletica il cuore.
E ogni volta, è una specie di magia.

Allenatrice e Coach



Sono a Viareggio come allenatrice, al clinic di beach volley organizzato da#BLVS e #BVCA, insieme ad altri super istruttori.
Ogni volta che mi approccio ad un campo da beach è come vestire una divisa ufficiale: riconosco l'atteggiamento della professionista che sono stata, l'immensa passione che mi ha fatto adorare questo gioco, il godimento di stare ore e ore a perfezionare un gesto tecnico.
Tocco un pallone, vedo un cielo blu e vado in brodo di giuggiole!
E sapete qual'è una cosa che mi piace un sacco?
Il fatto di rendermi conto che mentre gestisco il gruppo, le abilità del coaching che ho fatto mie in questi ultimi anni mi rendono la vita più facile!
Mi è più facile capire le esigenze dei ragazzi e le ragazze che si allenano, mi è più facile essere compresa e comunicare efficacemente con ognuno di loro il mio messaggio... mi è più facile trasmettere le istruzioni, le emozioni.
L'amore per il beach volley e per il coaching si sposano meravigliosamente bene, e mi danno l'opportunità di donare il mio valore a chi lo desidera.
Quando ti rendi conto che nella tua vita quotidiana cerchi solo il meglio, ti impegni a dare il tuo meglio, pensi al meglio e parli al meglio... beh non puoi che finire la giornata soddisfatto e felice.
Con la gioia nel cuore e il dolce desiderio di aver arricchito anche solo di un pizzico, la vita di qualcuno.

Squadra

Le immagini sono chiare nella mente.
Le voci vibrano all'unisono, i pattini risuonano insieme.

E il Cuore va oltre... fino a diventare Magia.

#PTA #SwanLake #SoloGas #RoadToNovara #WorldChampionship


Bentornato autunno

È stato necessario fare ordine, perché ora è tempo di costruire.
L'equilibrio si fa spazio, porta con sé armonia e colori.

Bentornato.

#Autumn #LoveU


Cambiare a 66 anni

Sentire uscire dalla mia bocca la frase:
"Papà sono proprio orgogliosa di te! Bravo!",
non so come mi fa stare.
Se penso che forse non l'avevo mai pronunciata, mi verrebbe da dire non bene.
Ma probabilmente questa meraviglia doveva arrivare oggi. 
E un sorriso nasce grande dal mio cuore.
Perché questo sentimento è autentico dentro di me.
Non importa di cosa si tratta, importa che finalmente, per la prima volta da quando ne ho ricordo, papà sta facendo qualcosa di buono per sé.
Per sé.
Che poi diventa per noi.
E se per molti occuparsi di sé è una banalità, per me non lo è.
A quasi 67 anni si è messo in discussione, ha vinto le sue resistenze, sta lottando per allargare la sua zona di comfort, contro ciò che si raccontava e che lo teneva bloccato.
E sta riuscendo, con dei progressi incredibili.
Questo per me vale più di tutto.
Oggi mi dimostra di essere più coraggioso di quanto crede.
Più forte di quanto basta.
Più responsabile di sempre.
Oggi, ancora una volta, ho la decisa conferma che quando un uomo ha un obiettivo chiaro in mente, mette in campo tutto il suo potenziale per raggiungerlo.
E se non gli bastano le risorse che ha, le va a cercare fino a che non le trova!
Ti amo papà.



Donne

Siamo brave a farci trovare da quel velo di paura anche quando siamo felici. 
A voler complicare con i nostri pensieri ciò che è semplice.
A far pulsare quella vena di sofferenza quando non serve, dove sembra non essercene spazio.
Come se il dolore dovesse appartenerci per il ruolo che abbiamo.
Come se tanta beatitudine mettesse a repentaglio in un istante il nostro "tutto", con il rischio di sconvolgere gli equilibri che a fatica ci siamo costruite.
Finalmente percepisci che ciò che stai sperimentando è la strada giusta, che ti fa stare bene, forse come non mai... ma ti difendi con frasi tipo:
- vedremo come va...
- non guardo troppo in là perché qualcosa potrebbe andare storto...
- meglio se non mi sbilancio... non voglio espormi su quella cosa, o verbalizzarla più del necessario...
- chissà se mi fido... chissà se posso aprirmi...
- mi sento pronta?
- cosa penseranno di me?
Quindi te lo custodisci dentro, quello stupore che ti rende elettricità, in attesa che sia perfetto, che rispecchi i tuoi canoni, che tu senta che ti puoi fidare davvero.
Vorresti espanderti con quella meraviglia, aprirti a tale bellezza, invece ti trattieni un pochino, quasi a non voler esagerare, quasi forzandoti a mantenere il controllo: perché è più saggio andarci con i piedi di piombo.
E non comprendi che la gioia è lì, a portata d'aria.
È lì, accanto a te, come l'avevi chiesta. Respira. E già ti avvolge.
Non è uguale a come l'avevi in mente, ma meglio.
È facile.
È soffice.
È stabile.
È fertile.
Forse è terminato il tempo di combattere, di fare la guerriera.
È finito il tempo di dover essere necessariamente pronta alle sfide che ti si palesavano dietro ogni angolo, di vivere sotto pressione per dimostrare che ci sei e che su di te si può contare.
Ogni cosa accaduta, ogni preziosa persona incontrata, ogni libro assorbito, ogni relazione giunta al termine, ogni decisione presa con sacrificio, sono oggi la trama della tua Forza Interiore.
Forse, ora che sai profondamente che sei una Donna capace di affrontare qualsiasi ostacolo, è il momento di affidarsi, di lasciarsi andare, di danzare leggera.
Perché per una come te, è maturo il tempo di raccogliere.
È giunto il tempo di ridere senza risparmio.
È venuto il tempo di essere abbracciata dall'Amore.
È il tempo di trasformarti da severa ed esigente guida di te stessa, ad amorevole guida per le altre Donne. 
Sapendo che siamo Una.

Serenità


Oggi pomeriggio.

Due coaching life in ufficio a due donne fantastiche, una sessione di coaching sportivo alla splendida Squadra di pattinaggio di Albinea che prepara il mondiale.

Un B&B che si chiama "La casa di Sara", Sara come la piccola graziosa bimba giapponese di 4 anni che insieme alla sorella e alla mamma è venuta ad accogliermi in casa.

Un libricino di poesia dai colori pastello trovato sul comodino, di una poetessa giapponese di 100 anni che scrive con la stessa semplicità e saggezza di una bambina.

Una mela.

Un cuore colmo di gratitudine.

E la sensazione che il meglio debba ancora venire.
Buonanotte ❤

#ILoveMyLife #MentalCoaching #CoachEkis
#SportCoaching

Mani di mamma

Le tue sono mani generose, di quelle che pensano prima a tutti gli altri, poi a sè stesse.
Le tue sono mani che lavorano, tanto, anche se stanche, sole, ruvide, dolenti.

Le tue sono mani che preparano, sistemano, creano, puliscono, cercano, accolgono, aggiustano, portano, cucinano, trattengono, donano, stringono.
Pregano.

Le tue sono mani che trasformano le cose più comuni in premure, lo sporco in pulito, il solito in speciale, la tavola in un banchetto, il profumo in sapore, il bello in armonico, l'amore in gioia, la casa in Casa, la famiglia in Famiglia.

Le tue sono mani che curano, che hanno compassione, che assistono, che accarezzano, che accompagnano.

Le tue sono mani che spesso vengono date per scontate.
Perché ci sono sempre state, ed è sempre stato così.

Le tue sono mani che ad ogni biglietto d'amore che mi scrivono, si scusano per non aver mai fatto abbastanza.

Invece sono più che abbastanza, sono per me le mani più preziose e complete del mondo.
Grazie mamma.

Ti amo.

Telefonate

- Pronto Erboristeria?
- Ciao papà sono io
- Ciao Giulia come stai?
- Tutto ok, volevo dirti che domenica vengo a casa.
So che siamo soli io te e la mamma, vorrei tanto fare un picnic... mi porti? Avete già impegni?
- Un picnic? ...
Domenica pomeriggio siamo liberi, sia io che tua mamma.
Vanna! (la mamma), Giulia vuole fare un picnic domenica!!
-...
-...
-...
- ...Va bene dai, scelgo un bel posto!
:)
A volte è più saggio avere il coraggio di chiedere, che la paura di aspettare.

La palla disegnata

Ieri sera prima di addormentarmi mi sono imbattuta in qualche vecchia foto su Google.
Ce ne sono alcune che non avevo mai visto ed è stato divertente curiosare tra i ricordi: ho un sacco di foto con Dani, delle nostre avventure da giocatrici "private" di beach volley.
Momenti sfidanti in cui ci siamo davvero donate totalmente al nostro #sogno, imparando la #vita.
Mi sono soffermata su questo scatto perché un suo particolare mi è balzato allo sguardo.
Non si tratta del modello di pallone (che non è quello corrente), o della mia completa assenza di muscoli 😂

Se guardate attentamente, si vede un piccolo pallone dipinto sulla mia mano sinistra, proprio sopra il pollice.
Mi ero abituata a disegnarlo con una penna, prima di entrare in campo, ad ogni partita.
Mentre lo disegnavo ripetevo a me stessa i motivi per cui amavo giocare a beach volley ed elencavo ciò che mi serviva provare in gara per dare il meglio, per essere pronta, concentrata, carica.

Mettevo tutto dentro a quella piccola #magica #palla che rappresentava la mia grande #passione, perché sapevo che durante il gioco, ogni volta che l'avrei guardata, mi avrebbe fornito la giusta #energia e creato in me lo stato d'animo di certezza.

Avevo un #àncora potentissima, senza sapere che in futuro mi sarei specializzata sulla preparazione #mentale, sulle strategie del successo, sul potere dell'immaginazione, sui rituali.

Di quante cose non siamo ancora consapevoli?
Quante e quali #risorse sono già in noi in attesa di essere portate alla luce?
Quanto desideri essere la migliore versione di te possibile?

Il coaching è speciale anche per questo, e io sono felice di mettere a disposizione di persone impegnate la mia professionalità.

#ILoveMyJob #Coaching #CoachEkis #SportCoaching #GiuliaMomoli

Coaching e Campionesse d'Europa!

Avete presente quando andate al #cinema e vedete un #film che vi lascia emozionati? Di quelle #emozioni che desiderate lasciare lì per un pochino a sedimentare, senza volerle necessariamente comprendere o classificare. Ecco, stamattina mi sento così. Ieri la squadra di #pattinaggio di Albinea che seguo come #mental #coach, dopo aver vinto lo scudetto si è laureata #campionessa d'Europa in Portogallo. Le ho viste su #skype per l'ultima preparazione poco prima della gara, e insieme allo staff del corso genitori che stiamo facendo a Reggio Emilia, abbiamo seguito la loro #performance in streaming. Ero incontenibile in quei minuti insieme a Livio e ai ragazzi, un'emozione pazzesca vederle fare cose che ormai anche io conosco a memoria. Poi la gioia per un punteggio incredibile, e infine la consacrazione della #vittoria. Amo il mio lavoro da Coach, e sono infinitamente #grata di avere la possibilità di lavorare con il cuore per realizzare i #Sogni felici di meravigliose anime meritevoli. Grazie a questa #Squadra per aver immaginato, desiderato, costruito questo #ORO con ogni forza fisica, mentale ed emozionale. Senza paura. Vi stimo, TUTTE, e vi voglio bene. We Are One. #Gold #EuropeanChampionship #Skating #PTA #SwanLake #Coaching

Ama


Quando ami, il #cuore ti guida attraverso le giuste scelte.

Quando ami, dai il meglio di te con costanza e attingi alle tue più grandi #risorse.

Quando ami, accetti che le #sfide facciano parte del #gioco perché dentro di te hai la profonda convinzione di essere sulla giusta #strada.

Da allenatrice... che bello!

Freddo ne abbiamo preso, ma che #gioia immensa tornare sulla #sabbia... in un ruolo diverso, questa volta da #coach
Mi sa che allenare mi piace... siamo spacciati!

Grazie Elisa (fantastica) Rispo, Gabriele, Marco
per la magnifica opportunità, e ad ogni corsista per l'entusiasmo e l'impegno manifestato in ogni allenamento.
È stato super!

Un grazie speciale alla mia amica e socia Lucia Bacchi
per essere sempre #presente

#BeachVolleyball #BeABeacher #SpecialTraining  #BVL #Happiness #Iloveit

Verso l'eccellenza, e oltre

Ormai lo sapete, amo lo sport anche perché a prescindere dalla disciplina che scegli, alzare l'#asticella richiede #sacrificio.
"Sacrificare", ovvero compiere un'azione sacra, celebrare ciò che importa, dare valore a quello che ti fa battere il cuore.

Queste ragazze rendono sacro il loro tempo, il loro corpo, il pattinaggio, l'impegno, l'allenamento, la squadra.

Perché stanno lì.
Ancora, e ancora, e ancora.
Provano e riprovano alla ricerca del movimento #eccellente, in una incessante cura del dettaglio.

Nonostante non siano professioniste, nonostante tutte studino o lavorino.
Nonostante i chilometri, le sfide, le difficoltà, la stanchezza.
E lì dove il corpo cede, arriva la #mente: salda, forte, determinata, assistita da un #cuore impavido, emozionato, connesso.

Ognuna di loro punta al meglio. 
Ognuna di loro ha imparato a #sognare.

E io sono #orgogliosa di ogni loro singola conquista, di ogni lacrima, sorriso, consapevolezza.

Queste, sono ragazze #coraggiose.

#PTA #SoloGas #EuropeanChampionship #SwanLake  #GoForGold #KeepDreaming #KeepDoing ⚫⚪

"La nostra paura più profonda
non è di essere inadeguati.
La nostra paura più profonda,
è di essere potenti oltre ogni limite.
E’ la nostra luce, non la nostra ombra,
a spaventarci di più.
Ci domandiamo: “Chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso?”

In realtà chi sei tu per non esserlo?

Siamo figli di Dio.
Il nostro giocare in piccolo,
non serve al mondo.
Non c’è nulla di illuminato
nello sminuire se stessi cosicchè gli altri
non si sentano insicuri intorno a noi.
Siamo tutti nati per #risplendere,
come fanno i bambini.
Siamo nati per rendere manifesta
la gloria di Dio che è dentro di noi.
Non solo in alcuni di noi:
è in ognuno di noi.
E quando permettiamo alla nostra #luce
di risplendere, inconsapevolmente diamo
agli altri la possibilità di fare lo stesso.
E quando ci liberiamo dalle nostre paure,
la nostra presenza
automaticamente libera gli altri."
M. W.

Giornata mondiale della terra

Non dimenticate che la terra si diletta a sentire i vostri piedi nudi e i venti desiderano intensamente giocare con i vostri capelli.
(Kahlil Gibran)

Felice giornata mondiale della Terra.

Il bimbo che insegna

I bambini si incontrano, si sentono, si provano, si ascoltano.
Decidono subito se si piacciono oppure no.
Non hanno bisogno di tempo, di appuntamenti, di chat, di telefonate.
Non badano ai vestiti che indossi, alle lauree che hai conseguito o al conto corrente dei tuoi genitori.

Ci sei? -->Hey ti sto guardando, mi vedi anche tu?
Siamo simili? -->Cosa abbiamo in comune in questo momento?
Mi piaci? -->Che cosa c'è in te che riconosco in me?
Ti piaccio? -->Mi prendi con te adesso?

Allora giochiamo insieme.
Questo è il mio mondo, eccolo. Com'è il tuo?

Sono una ragazza scatola!

Ci sono le ragazze copertina.

E poi ci sono io. La #ragazza #scatola.

Orgogliosa del mio papà che ha creato il suo secondo prodotto naturale, un #prebiotico #digestivo a base di curcuma, inulina (cicoria), zenzero, melissa, anice, cardamomo, cannella, carvi, genziana, ananas e alloro.

Piante #magiche per la #salute e ottime per la tua #Linea!

info@naturalei.it

#MomoLinea

Genitori: che mestiere!


Sono in treno.
Il #bimbo, cucciolo di non più di 2 anni di bellezza, vuole camminare, guardare, parlare, esplorare, esprimersi.
La #mamma, invece, continua a zittirlo e agganciarlo con il braccio (senza alzarsi dal suo posto) per fermarlo.
Le parole che escono dalla sua bocca e con toni tutt'altro che gentili o divertiti sono solo:
"No... zitto... fermo... aspetta... sei un monello... non si fa... non si tocca... basta... non urlare... smettila... mi ascolti o sei sordo?".

Nessun tentativo di farlo giocare e stimolarlo, nessuna comprensione sul fatto che lui desideri conoscere il mondo e che se ne infischi della nostra noiosissima stasi su queste poltrone scomode di questo mezzo straordinario con cui, probabilmente, gioca in casa.

Vero, non ho esperienza diretta in questo campo nonostante la mia formazione educativa e non conosco la situazione specifica, ma forse questa mamma non sa che comunicando con la sua creatura in modo più efficace può ottenere il risultato che desidera più facilmente.

"Casualmente", mentre assisto a questa situazione, sto leggendo questo libro e il mio pensiero va con gioia a fine mese, quando Livio Sgarbi​ ed Elsa Schiatti​ terranno delle giornate speciali sull' "Essere genitore oggi", un percorso che unisce il #coaching alla #pedagogia.

E proprio per questo #corso, giovedì 14 aprile ci sarà una demo #gratuita di 3 ore a Reggio Emilia.

Se siete interessati all'argomento vi consiglio di visionare questi #video introduttivi preparati con cura proprio da Livio ed Elsa o di contattarmi in privato per ulteriori informazioni.

http://www.ekis.it/esseregenitorioggi/videocoaching/

Ps: Ora la invito! 󾌵

Migliorare

Oggi riprende il lavoro di #coaching con i miei splendidi cigni che continuano ad allenarsi in pista senza sosta e con grande impegno. 
Adesso l'asticella è posizionata più in alto: ci si prepara per il Campionato Europeo!

Per chi punta all'eccellenza il miglioramento non ha mai fine. 

#PTA #SwanLake #FromGoodToGreat #GoForGold #Focused #SportCoaching #TeamCoaching


Fratelli come specchi

In voi riconosco me: nei modi, nella sensibilità, nell'ironia, nella pelle, nelle espressioni, nell'attenzione, nella verità.
In voi esiste ciò che #amo, ciò che non conosco e ciò che voglio #migliorare.
Siamo l'uno lo #specchio dell'altro, lo specchio in cui a volte non vorremmo guardare e che altre volte non smetteremmo mai di gratificare.
In noi ci sono #mamma e #papà, luci ed ombre fusi ed intrecciati ai nostri unici e specialissimi talenti.
Da voi imparo, a voi insegno.

La nostre risate insieme sono #Musica.
I nostri abbracci, le carezze, i #baci dati sulle labbra senza errore sono Casa, #Sostegno, Cuore.
Le nostre diversità sono #Nutrimento, le nostre somiglianze #Appartenenza.

E non importa quanti chilometri ci hanno separati, ci separano o ci separeranno.
Non importa quante e quali esperienze ci diversificheranno facendoci prendere strade sempre nuove e coraggiose.
Perché... i nostri 3 cuori hanno Scelto questa Vita per essere indissolubilmente legati nell'Amore.

Prima, Ora, Sempre.

#Brothers #OneLove

Credi.

Se credi di essere #battuto lo sarai.
Se ritieni di non saper #osare, non oserai.
Se vorresti #vincere, ma pensi di non riuscirci, è quasi certo che #fallirai. 
Se #immagini di #perdere, hai già perso,
Perché nel mondo è vero che
Il #successo inizia dalla #volontà dell'individuo,
È nella sua #mente.
Se credi di venir surclassato, lo sarai.

Per #elevarti devi puntare in #alto,
Devi essere #sicuro di te prima di vincere un premio.
Le #battaglie umane non arridono sempre all'uomo più forte o veloce.

Prima o poi l'uomo che vince
Sarà l'uomo che CREDE DI POTER VINCERE.

N.Hill

La Donna che Danza con la Luna

Se puoi Amare una Donna che Danza con la Luna, Amala...

È la tua opportunità per vivere un tipo d'amore che sarà il più intenso possibile. Amala perché così lei lo farà con te, ti rispetterà e ti offrirà l'intensità che da tempo non vivevi. Con lei non esisteranno confini, tempo, né spazio.
Lei è Ciclica, e devi essere capace di amare ognuna delle sue fasi e rispettarle. Amala nella sua Luna Nuova per creare e tessere reti d'amore verso gli altri. Amala nella sua Luna Crescente per intraprendere ogni sfida. Amala nella sua Luna Piena eccitante e traboccante di energia. Amala e abbracciala nella Luna Calante in cui vive la catarsi del suo ciclo.
Comprendila ogni volta che ne ha bisogno, la vedrai così indipendente che ci si dimenticherà che lei è fragile, che una volta al mese ha bisogno di piangere e ha bisogno di averti vicino per sentirti, una donna così vuole stare con qualcuno che la protegga, lei non ha bisogno di nessuno, lei decide di condividere la sua storia per l'evoluzione della sua esistenza e aiutarti nella tua.
Se ami una donna che danza con la luna amala davvero perché ti sorprenderà l'arrivo di lei nella tua vita. Ci sarà un prima e un dopo in te, cambierà ogni spazio. Ti farà sentire in estasi ogni volta che ti ama, perché lei crede e sente che le vostre vite si intrecceranno e sa che bisogna vivere con intensità. Ti chiederà di più e di più, perché lei non si accontenta di poco, lei vuole tutto e se non glielo dai lo cerca da sola. Lei ti amerà nelle notti e nei giorni e ti chiederà che la ami sul balcone, a letto, in auto, sul tappeto, di notte e di giorno, ti amerà in ogni luogo che si possa immaginare.
Se ami una donna che danza con la luna, amala davvero perché ti regalerà i momenti più connessi con i tuoi sensi, giocherà con il cibo, creerà frutteti e piante, con la sua creatività abbellirà tutto al suo passaggio, accenderà incensi e candele, godrà della risata e delle lunghe conversazioni accanto ad un vino. Amala quando dubita e non sa che decisione prendere, amala quando cresce i bambini, quando lavora, quando pittura, quando sorride. Amala perché lei è fedele alla sua essenza.
Lei ti metterà di fronte alle tue paure più grandi, ti aiuterà con la tua ombra e ti abbraccerà nel mezzo della tempesta. Esigerà che tu sia a un livello intellettuale, emotivo e passionale più che alto, perché lei vuole che ti superi. Amala e ama ogni dettaglio che esiste tra voi, godi dei pomeriggi per i parchi, delle canzoni condivise, degli attacchi di pianto e soprattutto amala addormentata.
Se ami una donna che danza con la luna, amala, ma amala davvero, perché l'hanno già amata prima. Ricorderà di ogni partner come suoi grandi maestri, li amerà e li benedirà con tantissimo amore, e ti sorprenderà il modo in cui li ricorderà. Lei ha vissuto grandi amori e devi sapere affrontare tutto questo.
Se ami una donna che danza con la luna, amala davvero sotto la pioggia semplicemente camminando per la spiaggia. Passerà le sue notti guardando la luna, raccontandoti storie, e soprattutto vivrà con i quattro elementi nella sua vita costantemente, il Fuoco l’aiuterà a trasformare e a comprendere il perché delle cose, l'Acqua le insegnerà a fluire, l'Aria le darà l’energia per non arenarsi e purificarsi e la Terra le ricorderà sempre da dove viene. Amala quando ti chiede di volare e quando si è dimenticata come atterrare.
Devi sapere che se lei decide di passare con te un momento della sua vita, quel momento sarà eterno per l'esistenza, approfittane, perché lei quando si rende conto che il ciclo si è compiuto si mette lo zaino e intraprende la sua rotta. Lei brilla con te o senza di te.
Se conosci una donna che danza con la luna abbi il coraggio di vivere l'esperienza più intensa della tua vita, ti amerà come poche volte lo hai vissuto, riderai come mai prima, sentirai ogni spazio del tuo corpo e ti ubriacherai della sua eccitante energia avvolgente.
Ha viaggiato per il mondo e soprattutto crede nell'amore. Ha imparato a perdonare e gode della sua solitudine.

Se hai la possibilità di Amare una Donna che Danza con la Luna, Amala, ma Amala davvero.

(tratto da Ammalur)

Cosa porti con te?

Il fedelissimo trolley che instancabile mi accompagna ovunque, la borsa gialla con il mio quaderno preferito del momento, una deliziosa tortina di riso.
L'insaziabile volontà di dare valore e un cuore traboccante di emozioni.

Direi che c'è tutto. Posso partire. 

#RomaArrivo #AcquaAcetosa #ItaloTreno #Coaching #ClubItalia #Campioni #Volleyball  #BeachVolleyball #KeepGoing #KeepDreaming #GiuliaMomoli

Swan Lake: il giorno prima

Ci siamo, la magia è iniziata.
Adoro il giorno prima della competizione importante: l'aria è densa di emozioni, ed ogni istante vale la pena di essere assaporato.

Queste splendide creature domani pattineranno alla finale del campionato italiano di Firenze mostrando meravigliosi talenti.

Più di 20 cuori batteranno all'unisono a ritmo di musica, e tra questi ci sarà senza dubbio anche il mio.

Perché non trovo differenza tra il ruolo di atleta che scende in campo a gareggiare e quello di coach che supporta la squadra.
Anzi.
Queste ragazze mi hanno conquistata:
le loro storie sono diventate la mia storia, le loro motivazioni sono le mie motivazioni, la loro energia è la mia energia.
La loro passione è la mia stessa passione, la loro voglia di vincere è la mia voglia di vincere.

Domani respireremo tutte insieme per 4 minuti e mezzo, con un unico obiettivo: risplendere su quella pista onorando il tricolore.

Mandate buona energia affinché ognuna di queste anime vibri e sorprenda i cuori di chi le ammira.
⚫️⚪️❤️

#SwanLake #CampionatoItaliano #SL #PTA  #Firenze2016 #IlMeglioDeveAncoraVenire #WeAreOne #SoloGas

Bruciare di Passione

Continuo a credere che rinnovarsi nella Passione sia il segreto di una vita ricca e felice.

E come Passione non intendo unicamente la gioia che ti pervade nel fare qualcosa che ti piace davvero, ma quel fuoco che si irradia dentro il petto e che costantemente, e in ogni ambiente che frequenti, ti invita a dare il meglio di te.

Con l'unico obiettivo di onorare i tuoi Talenti e di permettere alle persone con cui vieni in contatto di riconoscere ed espandere la loro Luce.

"Per sempre" forse esiste

Chi dice che "per sempre" non esiste non ha ancora conosciuto Te.

Tu sei meraviglioso, e lo sarai per sempre.

Tu sei onesto, integro, rispettoso, puro... e lo sarai per sempre.

Tu sei generoso, attento, intelligente, amorevole, preciso, buono, sensibile, concreto, bello... e lo sarai per sempre.

Tu hai due occhi gentili e azzurri da ammirare, una pazienza da imitare e una forza da cui lasciarsi ispirare.
Tu sei sostegno, linfa, responsabilità, coraggio, sorrisi e acqua fresca.
Radice, seme, fiore e frutto.

Ed esprimerai con semplicità questa tua preziosa essenza per sempre.

Quindi Grazie, "per sempre".
Perché non può essere altrimenti.

#MarcoDodi #TheSpecialOne

Più forte degli alibi

Sai perché amo il Beach Volley?

Perché dentro quel rettangolo di #gioco non puoi permetterti di avere scuse, non puoi nasconderti, non hai il tempo di crearti degli #alibi.
L'avversario studia ogni tua mossa, ogni tua espressione... E gioca contro di te, sui tuoi punti critici. Se manifesti una #debolezza ti punta, e non ti molla fino alla fine della partita.

Devi essere più #forte del caldo cocente, più costante della pioggia battente, più solido dei tuoi problemi fisici.
È necessario andare oltre i tuoi timori, alzare l'asticella dei tuoi limiti, sopportare le frustrazioni.

E più sei in #difficoltà, più vuoi trovare #soluzioni per reagire.
In fretta.
Altrimenti la partita ti scivola tra le dita, lasciandoti incolmabile amarezza. 

Non c'è un allenatore a dirti cosa fare in ogni momento, non ci sono compagne fuori a poterti sostituire, per lasciare che tu riprenda fiato.

Impari ad essere determinato, a soffrire senza disperare, a mettere #aggressività in OGNI pallone.
Giochi per #vincere ogni azione come se fosse l'ultima.

La tua #squadra in quel momento è costituita da due persone: tu, e la tua compagna. Si vince e si perde insieme, sempre.
Ma tu non puoi appoggiarti a lei, devi chiedere il massimo a te stessa senza sosta, guardare avanti, lottare.
Con intelligenza.
Concentrazione.
Sapendo che ogni #errore è un regalo all'avversario, è una boccata di ossigeno, è un respiro che diventa vitale per lui e letale per te.

Non c'è una strada facile, non c'è un segreto, non ci si abitua mai a quella fatica.
Al contrario, bisogna imparare a sentirsi comodi nel #disagio.
E proprio quel disagio e quelle sfide sono il terreno in cui prolifera la tua crescita.

Andando avanti senza sosta sviluppi la flessibilità, costruisci quella "fame" che porta oltre ogni meta. Ti alleni duramente, a testa bassa, fino a che non trovi dentro di te quell'orgoglio che ti aiuta a fare lo step successivo, fino a che non comprendi che tua e solo tua è la #responsabilità.

Così cresci, così #evolvi.

Così vinci.

Come atleta, come donna, come squadra.


35 anni di unione

35 anni fa, oggi, vi siete sposati ed ero già con voi.
Avevo poco più di due mesi e mezzo, ero un feto in evoluzione, la damigella interna che ha potuto osservare e vivere la vostra giornata speciale da una prospettiva privilegiata.

Ci siamo svegliate presto, mamma.
Sono venuta con te mentre ti preparavi, eri bellissima... la più bella.
Dalla parrucchiera le altre spose si sentivano agitate e bevevano della camomilla, mentre tu hai scelto il tuo amato caffè perché eri assonnata.
Dopo la piega, ecco un trucco delicato che mette in risalto i tuoi lineamenti perfetti e il tuo dolce sorriso.

Siamo tornate a casa dove c'erano la tua mamma, tua sorella gemella e la nonna.
Tutte donne (e che donne!) perché il papà ci aveva già lasciate.

Ti sei vestita da sola senza aiuto alcuno.
Non avevi quegli abiti ingombranti da principessa delle fiabe.
Ti sembrava irrispettoso indossare l'abito bianco classico, perché c'ero già io dentro di te.
Quindi hai optato per un vestito di seta con dei fiori color pastello ed un cappotto davvero molto molto raffinato.

Beh... io dico che ti stava benissimo: bella ed elegante com'eri potevi essere la regina di tutte le principesse in bianco del mondo.

Abbiamo fatto tardi, anche se abitavi dietro la chiesa, perché mancavano i fiori.
Papà ti aspettava all'altare.
Moro, bello, elegante, atletico, sicuramente un pò teso.

Appena lo hai visto ti è venuto un colpo al cuore dall'emozione.
È giunto il momento, il tuo sogno sta per realizzarsi.

Vai, cammina fiduciosa verso il tuo futuro. 

Io vengo insieme a te e non ti lascio più. 


#Anniversario #MammaePapà #35Anni #Auguri

L'amore che guarisce

Febbre alta, sono a letto a pezzi con un' #influenza davvero aggressiva.
Dopo due giorni che sto così, mi confido alla #mamma, che non volevo far preoccupare.
Mi dice cosa devo fare e, anche se è esattamente quello che sto già facendo, il fatto che lo dica Lei ha un valore maggiore.
È come se fosse Magico.

Ora, mentre bevo tanto e continuo a prendere zenzero e curcuma fresche, rametti di tè verde con limone, propoli e vitamina C, sono sempre più certa che queste siano le cose giuste da fare per guarire.

E se chiudo gli occhi, riesco a sentire la sua mano ruvida di una vita di lavoro appoggiarsi sulla mia fronte per capire quanto "scotto".
Per essere sicura di aver valutato bene, ci appoggia anche le labbra, più sensibili, e la sua mano d'amore finisce sulla mia guancia in una dolce carezza.

#Mum #AmoreDiMamma #TiAmo #GrazieCheCiSei

My Endless Love

Oggi è ufficialmente iniziato il Word Tour 2016 di Beach Volley.
Per la prima volta dopo 10 anni i miei piedi non scivoleranno sulla sabbia di un campo internazionale, e non mi sto preparando qui in Italia per esserci presto.
Ma sono più vicina che mai a chi lo sta facendo, ad ognuna di quelle coraggiose e rispettabilissime atlete che hanno scelto lo sport più bello del mondo.
Riesco a sentire l'emozione di questa stagione speciale che inizia, dove ognuno si giocherà le proprie chance con estrema attenzione.
Conosco l'adrenalina della prima partita, l'eccitazione di un nuovo inizio, la forza necessaria a gestire fatica, caldo e stress.
Comprendo l'entusiasmo di calcare il campo dopo mesi di allenamento, di misurarsi contro le giocatrici più forti del pianeta, il desiderio di ritagliarsi il proprio spazio, di confermare la propria identità.
Tutto si svolge secondo i canoni: dalla routine pre-gara, agli sguardi d'intesa con la compagna, dalla musica in cuffia al silenzio necessario a trovare il tuo livello di concentrazione... ogni passo è sincronizzato nel rispetto delle reciproche abitudini.
La sveglia 3 ore prima della partita, il fuso orario, lo stretching in camera, la colazione con la meravigliosa frutta brasiliana, l'attivazione in campo, l'ultima analisi alla tattica, il riscaldamento e poi via.
Tu, la tua compagna e un pallone, contro il mondo.
I vostri punti di forza e una nuova, rinnovata energia per affrontare le sfide a cui questo gioco costantemente ti sottopone.
Uno staff impegnato e attento, con te in tribuna o che ti segue da casa.
Il sostegno delle persone care della tua vita.
E un sogno colorato a 5 cerchi.

L'arbitro fischia per la presentazione delle squadre.
L'abbraccio che dai alla tua compagna sulla riga di fondo contiene più emozioni di mille libri.
Il tuo sguardo si veste di determinazione nel momento esatto in cui stringi la mano all' avversario.
Prendi la giusta posizione in campo, e mentre respiri l'aria umida a pieni polmoni, l'animale che è in te comincia a ruggire.
Lo spettacolo ha inizio.

Buon Beach Volley a tutti e Forza Italia!

#BeachVolleyball #BeABeacher #MaceioOpen  #ComeUnTatuaggioSullaPelle #UnBeacherèPerSempre

Perdersi

Stamattina camminavo al parco... e ad un tratto ho preso consapevolezza di essere fuori dal #sentiero.
Tra alberi, fiori, foglie, terreno sconnesso.
Per un pò sono stata attenta a dove mettevo i piedi, poi ho alzato la testa per deliziarmi della #Bellezza da cui ero abbracciata.

Mi sono resa conto che nella mia vita non ho mai amato percorrere sentieri troppo battuti.
Ho sempre preferito esplorare, sperimentare, farmi guidare dal mio #istinto con la certezza che avrei trovato Qualcosa.
Ho avuto timore, certo, ma mi sono fidata della #Forza interiore che ci sorregge e che ci guida attraverso la nostra #realizzazione.

A volte le vie alternative scelte mi hanno mostrato delle scorciatoie verso i miei obiettivi.
Altre volte hanno allungato il mio vagare.
A volte mi si sono bagnate le scarpe o riempite di fango.
Altre volte ho pestato delle m..de.

Ma ognuno di questi esperimenti mi ha rivelato qualcosa, ha nutrito la mia fame, ha mostrato il suo messaggio, donato il suo intento.
Mi ha resa più completa, e ricca di Vita.
E, soprattutto, mi ha aperta alla scoperta di me stessa.

Credo si debba essere disposti a perdersi.
Perdersi per Amore
Perdersi per Strada
Perdersi tra una Folla di sconosciuti
Perdersi nei propri Pensieri, nella Musica, in uno Sport, nella Passione, quella che fa vibrare.

Il mondo opera con #intelligenza anche quando ti sembra di esserti smarrito.
Magari era proprio lì che dovevi finire, ad incontrare molto di più di ciò che ti aspettavi.

RUBRICA- CrossOver- Combinazione

A 34 anni mi ritrovo nel mio salotto di Modena a guardare il video della serie di attacchi di oggi per capire come migliorare più in fretta.
Già, avete letto bene. A quanto pare ci sono cascata ancora! E si cade con le ginocchiere, così ci si fa meno male.

Ciao ragazzi, bentornati su CrossOver.
A settembre, nel momento in cui Greta ha fatto un passo indietro dal nostro progetto, ho preso la decisione di abbandonare l'attività agonistica di Beach Volley per buttarmi a capofitto nel Coaching tra lavoro e formazione
È stata una decisione piuttosto naturale: sia perché nonostante io fossi molto motivata a giocare fino a Rio, in Italia non possiamo vantare un bacino di atlete di Beach Volley al quale attingere come magari è possibile fare in altri stati come la Germania, gli Usa, il Brasile... sia perché la mia nuova vita da Coach stava aspettando solo che le dedicassi continuità.

Tante cose sono successe in questi mesi, tanti cambiamenti, tante decisioni.
Per arrivare fino a qui, fino al mio trasferimento a Modena con l'obiettivo di avvicinarmi ad Ekis, l'azienda di formazione e crescita personale con cui lavoro.
E vuoi non trovarti una squadra di pallavolo qui in zona? :-D

La realtà è che questo passaggio (quello di tornare a giocare) non era nei miei programmi, ma mi si è presentata l'occasione di conoscere la società del Volley San Michelese che con grande entusiasmo e serietà mi ha proposto di giocare con loro da qui alla fine della stagione.
Ho già conosciuto persone gentili e disponibili, un ambiente molto professionale e una squadra divertente e ambiziosa: un mix fantastico che si sposa con la mia nuova vita lavorativa.

Devo dire che, nonostante io abbia continuato ad allenarmi fisicamente, stare lontana dalla palla per 4 mesi si è rivelato essere il periodo più lungo di sempre. 
Ha comportato dei lividi sulle braccia alla prima uscita (come i dilettanti :-p ), un pò di rigidità di spalla e schiena e la riscoperta di un grande Amore.
Ahimè non c'è niente da fare: adoro allenarmi e giocare!
Fortunatamente, durante la fase di stop, ho incontrato chi mi ha preparata fisicamente : voglio ringraziare la palestra Blufit di Montebelluna, capitanata da Jurek che, insieme a tutti i suoi ragazzi nei corsi e in sala pesi, mi ha seguita quotidianamente e mi ha permesso di ricominciare a giocare.

Ecco quindi il motivo del video di cui scrivo all'inizio. Ora c'è da recuperare in fretta per tornare a divertirsi e vincere!

Poco fa ascoltavo una canzone di Jovanotti che mi piace molto, si intitola "La Valigia".
È una canzone d'amore tra un uomo e una donna, ma come sono solita fare, ricerco i significati e le frasi utili per me e ciò che sto vivendo.
Dice così:

"Io sono una valigia
e giro di stazione in stazione
in molti mi trasportano
ma solo tu hai la combinazione.

Ma chi l'avrebbe detto che la vita
ci travolgeva come hai fatto tu.
Tu m'hai aperto come una ferita,
sto sanguinando ma non ti lascio più,
io non ti lascio più."

Beh... che noi atleti abbiamo sempre la Valigia pronta è una verità assoluta.
Pensate a quanti traslochi, quanti viaggi, quante trasferte.
Pensate a quante volte abbiamo preparato, ordinato, svuotato la nostra borsa di allenamento.
Perché tutti noi, anche i più confusionari, almeno una volta sono stati perfetti ed emozionati.
Pensate a quando la borsa ci viene consegnata con il materiale nuovo, alla soddisfazione di avere al suo interno ogni cosa che ci è necessaria, messa in modo preciso.
Ad ogni oggetto il suo ruolo, ad ogni tasca il suo scopo.

E la valigia per partire per la trasferta? Che sia per un torneo di beach che dura una settimana, o per una trasferta di pallavolo di due giorni... quanta attenzione e cura ci abbiamo dedicato ogni volta? Vietato dimenticare qualcosa! E allora via ad eseguire mentalmente il check delle cose indispensabili :-D

Qual'è l'oggetto che non può mancare nelle tue valigie o borse d'allenamento?
Io ho sempre con me dei libri, un profumo e l'elastico per la spalla.


La "combinazione" di cui parla Jova è riferita alla modalità di questa ragazza di saper entrare nel suo cuore.
In molti lo trasportano, ma solo lei sa qual'è l'esatto codice per aprire il lucchetto.

Lego questo concetto della combinazione a ciò che mi ha da sempre motivato a preparare tutte quelle valigie e le borse d'allenamento.
A spostarmi, a cambiare luoghi, relazioni, amicizie, ambienti.
A scegliere, rischiare, buttarmi, sognare.

La mia combinazione si chiama Passione.
La Passione per la Vita, per i miei Sogni, per le Persone, per quello che faccio e per come lo faccio.
La Passione per l'Entusiasmo, per un Obiettivo, per il mio Scopo.
La Passione che ti infonde Curiosità, Energia, Coraggio.
Ho sempre rappresentato la Passione, con il potere dell' immaginazione, come un fuoco che mi arde nel petto.
Un fuoco le cui fiamme si muovono a spirale, ad indicare movimento, pienezza, vivacità.
Forse è anche per questo che quando sono felice non riesco a stare ferma immobile, ma ho bisogno di sentire il ritmo, quasi di danzare.
Proprio come i bambini. Che sono sempre in movimento e ridono con il loro corpo.

Qual'è la tua combinazione? Cosa ti spinge a fare quello che fai? Cosa ti muove verso i tuoi sogni?

"Nella tua casa i resti di una vita
passata a smettere e ricominciare
nei tuoi cassetti un paio di segreti
pronti per quando me li vorrai dire."

Essere Atleti è fantastico.
Quanti episodi, immagini, ricordi nella mente di ognuno di noi.
Quante canzoni dedicate a momenti speciali, che varietà di risate e occhi con cui entrare in sintonia.
Per non parlare del rumore del pallone sulle braccia, del suono che ti resta nella mano quando hai attaccato la palla perfetta.
Che arcobaleno di emozioni e sensazioni: dalle lacrime di gioia a quelle amare della sconfitta, della delusione.
Quante le persone che hanno camminato insieme a noi per dei tratti della nostra strada.
Persone diventate incancellabili, che albergano nel nostro cuore, che ci hanno forgiato nel corpo, nel carattere, nello spirito. Quante esperienze ed episodi da raccontare.
Che bellezza la vita dell' Atleta.

"Non vi dirò come finisce la storia
anche perchè non è finita mai
Se scorre un fiume dentro ad ogni cuore
arriveremo al mare prima o poi"


Alla prossima,
Momi.